Camera d commercio di Bolzano
economia = futuro

Brexit

Brexit - accordo commerciale e di cooperazione

Nonostante l'accordo commerciale tra il Regno Unito e l'UE, ci sono ancora molte incertezze e problemi. Ci sono ancora ritardi alle frontiere quando si spediscono le merci; c'è ancora confusione in alcuni luoghi riguardo ai documenti di accompagnamento. La Brexit ha anche cambiato le cose per i viaggiatori d'affari, per il distacco dei dipendenti o per il commercio online. Di seguito troverete una breve descrizione di alcuni argomenti con i cambiamenti più importanti.

Scambi di merci: norme doganali e di origine preferenziale

Da gennaio 2021, le aziende dell'UE che desiderano spedire le loro merci nel Regno Unito (UK) devono tenere conto delle formalità doganali come i controlli doganali, le dichiarazioni doganali, le regole di origine e altre restrizioni.  A causa del ritiro del Regno Unito dall'unione doganale dell'UE e dal mercato unico, ogni consegna è un'esportazione verso un paese terzo. Questo significa che la libera circolazione delle merci non esiste più e la prova di esportazione è richiesta per ogni spedizione di esportazione. Grazie all'accordo commerciale e di cooperazione tra il Regno Unito e l'UE, le merci originarie non sono soggette a dazi doganali e non ci sono restrizioni quantitative da rispettare. Solo i materiali dell'UE e del Regno Unito possono stabilire l'origine, ma non quelli di altre zone preferenziali. Uscendo, il Regno Unito ha perso l'accesso a tutti gli accordi di libero scambio dell'UE con i paesi terzi. Dal 2021, i prodotti con materiali di input del Regno Unito non potranno più essere utilizzati nei paesi partner dell'UE come se fossero materiali di input propri e qualsiasi trattamento tariffario preferenziale cesserà. Attenzione: c'è un regolamento speciale per l'Irlanda del Nord! Le consegne di merci lì continueranno ad essere considerate come vendite intracomunitarie. L'Irlanda del Nord è quindi trattata come qualsiasi altro paese dell'UE. Ulteriori informazioni:

IVA ed IVA all'importazione

Le forniture di beni tra il Regno Unito e l'UE non sono più coperte dalle forniture intracomunitarie, ma devono ora essere trattate come esportazioni dall'UE e importazioni nel Regno Unito. Per l'esportazione, le aziende dovranno avere il numero EORI dell'UE. Quando si importa nel Regno Unito, la merce deve essere dichiarata alla dogana e devono essere pagati eventuali dazi doganali e l'IVA all'importazione. In questo caso l’importatore deve avere un numero EORI del Regno Unito. Il GB EORI l'azienda dell'UE può richiedere soltanto nel caso di una rappresentanza diretta nel Regno Unito. In alternativa l'importazione deve essere gestita dal cliente britannico o da un rappresentante doganale.

Commercio elettronico / vendita per corrispondenza

Nell'ambito del commercio online, bisogna distinguere tra consegne fino e oltre le 135 sterline e tra B2C e B2B.

Consegne fino a £ 135
B2C: le imprese dell'UE che forniscono ai clienti del Regno Unito devono fatturare e contabilizzare l'IVA al punto di vendita. Questo richiederà la registrazione fiscale nel Regno Unito. È consigliabile nominare un rappresentante fiscale locale per la registrazione e la fatturazione regolare, ma questo non è affatto obbligatorio.
B2B: In questo settore c'è la possibilità di invertire il debito d'imposta al destinatario del servizio (procedura di reverse charge). La registrazione fiscale non è necessaria in questo caso. Tuttavia, si raccomanda di fare una nota sulla fattura: "reverse charge: il cliente deve rendere conto dell'IVA all'HMRC".

Le consegne superiori a £ 135 devono essere trattate come importazioni normali, cioè l'IVA all'importazione, eventuali dazi doganali devono essere pagati e l'IVA del Regno Unito deve essere fatturata. 
Marketplace: Se invece la spedizione viene effettuata tramite un marketplace online, l'IVA deve essere pagata dal marketplace.

Ulteriori informazioni

Prestazioni di servizi: Ingresso e soggiorno - distacco

Con l’uscita del Regno Unito dall’UE e quindi anche dal mercato unico, è finita anche la libera circolazione delle persone. Questo significa che, con alcune eccezioni, le stesse regole di ingresso e immigrazione del Regno Unito si applicano all'ingresso e soggiorno dei cittadini dell'UE/SEE come a tutti gli altri cittadini di paesi terzi. In linea di principio, i cittadini dell'UE/SEE saranno ancora in grado di entrare nel Regno Unito senza un visto per un periodo fino a 6 mesi dopo l'1/1/2021. Le attività permesse nell'ambito del soggiorno senza visto di un massimo di 6 mesi sono elencate nel Regolamento d'Immigrazione.

Non esiste più un riconoscimento reciproco automatico delle qualifiche professionali per la fornitura di servizi. I viaggi d'affari a breve termine sono ancora possibili senza visto o permesso di lavoro per una durata massima di 90 giorni. Le attività permesse sono definite in modo molto ristretto dall'accordo, come riunioni, seminari, fiere, vendite, acquisti o servizio clienti (compresi i servizi legati alla vendita come il montaggio o la manutenzione).

Marchi e brevetti

I marchi e i disegni comunitari registrati presso l'Ufficio Europeo della Proprietà Intellettuale (EUIPO) prima della fine del periodo di transizione il 31 dicembre 2020 saranno ancora validi nel Regno Unito dopo tale data. Le registrazioni di marchi e disegni internazionali depositate all'OMPI prima della fine del periodo di transizione per l'UE manterranno la loro protezione. I brevetti europei rimarranno in ogni caso inalterati dalla Brexit, poiché l'Ufficio europeo dei brevetti non è un'istituzione dell'UE!

Altri link e documenti sulla Brexit

Sono state utili queste informazioni?
Media: 5 (2 votes)

Contatto

Internazionalizzazione

0471 945 656 - 692 - 542