Camera d commercio di Bolzano
economia = futuro

Franziska Bauer

Franziska Bauer

Voglio restare fedele a me stessa

Già da ragazza Franziska Bauer aiutava nel maso dei genitori. A 50 anni è proprietaria da circa tre anni del Gschnofer-Hof sopra Terlano. Franziska Bauer aveva studiato tutt’altro, infatti è geometra. Ciò che la motiva è imparare e sperimentare sempre qualcosa di nuovo. Una conversazione con un’agricoltrice speciale.

Le donne sono sempre state una componente fissa e imprescindibile di un maso, lavorando in casa e in campagna. Tuttavia il ruolo di contadina è cambiato molto negli ultimi decenni. Vive il Suo ruolo di agricoltrice con una nuova consapevolezza?

Non sono proprio una contadina in senso tradizionale, pur aiutando già da ragazza nel maso di famiglia durante il raccolto. Però ho il diploma di geometra. Oggi lavoro mezza giornata in uno studio ingegneristico e il resto del tempo come agricoltrice. Abito nel maso insieme ai miei due figli Sebastian e Maximilian. Sono contadino e contadina allo stesso tempo; sono le circostanze che mi hanno portato fin qui e oggi mi assumo la piena responsabilità per tutte le decisioni. Non è sempre facile, ma crea libertà e spazio.

Spazio per rompere con le tradizioni?

Non necessariamente, cerco di fare ciò che mi interessa e che mi fa progredire. Perché non dovrei vivere i miei vari interessi? Ho lasciato il lavoro all’arrivo del mio secondo figlio e dopo oltre 13 anni mi è tornata la voglia di riprovarci e di tentare un nuovo inizio. Volevo affrontare questa sfida e il mio precedente datore di lavoro mi ha dato l’opportunità. Cerco di seguire la mia strada personale. Amo lavorare nel maso, in mezzo alla natura, ma mi sento a mio agio anche in ufficio. Mi spinge la voglia di provare cose nuove ed essere attiva e creativa in vari settori.

Cosa pensa della classica divisione dei ruoli tra uomo e donna?

Già prima di prendere in carico il maso mi occupavo del lavoro amministrativo e dell’organizzazione dell’azienda. Ovviamente guido anche il trattore, partecipo a eventi formativi, convegni, visite didattiche e riunioni che sarebbero tradizionalmente compito del contadino, ma per me non è un problema. Da qualche tempo anche mio figlio Sebastian lavora nel maso. Lo scambio reciproco fa bene e mi fa piacere, ma non centra con la suddivisione dei ruoli, piuttosto con il lavoro di squadra.

Ha dei modelli da seguire?

Io stessa sono il mio principale modello, perché devo rispondere delle mie azioni. Per me è importante restare fedele alle mie idee e a me stessa. Non devo nulla agli altri. Quando si cresce in una famiglia in cui prevalgono determinati valori, si corre il rischio di restare attaccati a vecchi modelli. Perché non posso crearmi il mio quadro personale? Voglio fare le cose perché mi piace farle e non perché mi attendo un ritorno dalle stesse.

Quali difficoltà ha dovuto affrontare come agricoltrice?

Un tempo associavo le innovazioni a problemi, oggi la penso diversamente: affronto un nuovo compito, un compito che devo risolvere. Si tratta di coraggio e di non chiedersi “Ce la farò”? È così che si aprono sempre porte nuove. Adesso ho 50 anni e solo ora mi sembra di decollare veramente.

Cosa consiglierebbe a una giovane agricoltrice?

Di formarsi, di fare cose che le fanno piacere e che la fanno progredire nel proprio sviluppo. È un dono poter esercitare la propria professione da casa.

La persona

Nel Gschnofer-Hof si coltivano tre ettari e mezzo di vitigni e due ettari e mezzo di mele. Franziska Bauer (50) ha ereditato il maso dalla madre. Con la famiglia è cresciuta a Bolzano/Gries; solamente nel 1985 si è trasferita a Terlano. Da marzo 2012 Franziska Bauer è proprietaria del Gschnofer-Hof dove vive con i suoi due figli Sebastian (22) e Maximilian (19). Bauer ha svolto varie formazioni nel settore agricolo (tra cui il corso biennale “Agricoltrice – ambasciatrice dei propri prodotti”) e organizzato nel 2014 per la seconda volta presso il Gschnofer-Hof un “avvento al maso” all’insegna dell’”artigianato vivo”. Durante l’avvento al maso Franziska Bauer ha offerto marmellate fatte in casa, mostarde, chutneys e Sali alle erbe. È suo desiderio in futuro ampliare questa attività.

Nascondi da menu: 
Testo destra: 

Contatto

Comitato per la promozione dell’imprenditoria femminile

tel. 0471 945 610
luca.filippi@camcom.bz.it