Camera d commercio di Bolzano

Barometro IRE – Commercio al dettaglio

Data evento: 
Venerdì, 29 Dicembre 2017
Commercio al dettaglio

Il clima di fiducia nel commercio al dettaglio altoatesino resta positivo. Nove imprese su dieci hanno concluso il 2017 con un risultato economico soddisfacente e prevedono di poter fare altrettanto nel 2018. Anche nel settore del commercio e della riparazione di veicoli vi è ottimismo. Ciò emerge dal Barometro dell’economia dell’IRE – Istituto di ricerca economica della Camera di commercio di Bolzano.

Redditività nel commercio al dettaglio

Il clima di fiducia nel commercio al dettaglio altoatesino migliora per il quinto anno consecutivo e gli imprenditori e le imprenditrici di questo settore guardano con fiducia al futuro. Il 90 percento delle imprese valuta positivamente la redditività nel 2017 e altrettante contano di conseguire un risultato d’esercizio soddisfacente nel 2018.

Quest’anno il commercio al dettaglio ha visto crescere i fatturati, anche per effetto dell’incremento dei prezzi. Le vendite sono aumentate soprattutto grazie alla clientela locale, mentre il volume d’affari realizzato con i turisti e la clientela di fuori provincia è cresciuto solo di poco. Gli investimenti sono aumentati, soprattutto nel comparto dei supermercati. Anche l’occupazione evidenzia uno sviluppo positivo: tra gennaio e novembre 2017 il numero di lavoratori dipendenti nel commercio (incluso quello all’ingrosso) è stato mediamente superiore del 3,2 percento rispetto allo scorso anno. Per contro, alcuni commercianti riferiscono di un peggioramento della competitività aziendale, dovuto soprattutto all’incremento dei costi. Per il 2018 si prevede una leggera crescita del volume d’affari, degli investimenti e dell’occupazione.

Per quanto riguarda le singole branche del commercio al dettaglio, il clima di fiducia è particolarmente positivo per i supermercati e i minimarket. Nel 2017 quasi tutte le imprese di questo comparto hanno potuto conseguire un risultato economico soddisfacente e si ritiene che il prossimo anno vi sarà un ulteriore miglioramento. Si registrano invece alcune difficoltà nel comparto dell’arredamento, dove quasi un quinto dei commercianti segnala una redditività insoddisfacente.

Nel settore del commercio e della riparazione di veicoli il clima di fiducia resta buono. La redditività viene valutata positivamente dal 94 percento delle imprese, sia in riferimento al 2017 che in prospettiva per il 2018. L’anno che va concludendosi ha portato un incremento del volume d’affari e anche gli investimenti sono aumentati. Gli operatori del settore sono inoltre meno critici rispetto al recente passato riguardo ad aspetti quali la puntualità dei clienti nei pagamenti e l’accesso al credito. Per il 2018 si prevede un’ulteriore crescita dei fatturati.

Il Presidente della Camera di commercio di Bolzano, Michl Ebner, si rallegra per il clima positivo e sottolinea la grande importanza economica e sociale del commercio al dettaglio: “Il commercio di vicinato è indispensabile, in particolare per le persone anziane o meno mobili. I prodotti di uso quotidiano e i servizi fondamentali dovranno essere garantiti anche in futuro su tutto il territorio provinciale.”

Redditività nel commercio e riparazione di veicoli

Seguono i commenti dei rappresentanti delle associazioni di categoria

Lothar Delucca, rappresentante del commercio al dettaglio nell’Unione

“In Alto Adige siamo riusciti a creare una cornice legislativa che permetta di consolidare e sviluppare il commercio al dettaglio nei nostri centri urbani, così da mantenere l’attuale equilibrio nel commercio. Ciò assicura la varietà dell’offerta e, allo stesso tempo, la vitalità e l’attrattività delle città e dei paesi della nostra provincia.”

Federico Tibaldo, Presidente Confesercenti Alto Adige

“I risultati positivi riguardano soprattutto i punti vendita della GDO. Positivo anche il dettaglio dei centri storici, sempre molto attrattivi per la clientela. Il commercio di vicinato e costretto alla ricerca continua di soluzioni per ridurre i costi di gestione, dipendenti compresi. La PA ne riconosce l’importanza ma manca il coraggio di sospendere il decreto Monti sulle liberalizzazioni di licenze e orari, almeno per i prossimi cinque anni.”Per informazioni è possibile rivolgersi all’IRE, persone di riferimento Georg Lun, tel. 0471 945 708, e-mail: georg.lun@camcom.bz.it e Luciano Partacini, tel. 0471 945 700, e-mail: luciano.partacini@camcom.bz.it.

Redditività per branca